Giovanna Mezzogiorno

Active - 1998 - 2017  |   Born - Nov 9, 1974 in Roma, Italia  |   Genres - Drama

Share on

Mediterranean actress Giovanna Mezzogiorno grew up in Rome, then entered formal dramatic studies under the aegis of the legendary Peter Brook at his Paris-based International Center of Theatre Research. Early roles waxed exclusively continental, so that Mezzogiorno's work in projects including Il Viaggio Della Sposa (1997), Un Uomo Perbene (1999), and Nobel (2001) did little to carry her beyond Adriatic borders. A few pivotal crossover efforts, however, began to reverse this trend, notably Cristina Comencini's Don't Tell (2005) -- a child abuse-themed drama that received positive critical notices thanks largely to Mezzogiorno's evocation of post-incest trauma -- and director Mike Newell's Love in the Time of Cholera (2007), with Mezzogiorno as the sole female member of a South American love triangle that also includes Javier Bardem and Liev Schreiber.

Movie Highlights

See Full Filmography

Factsheet

  • Figlia d'arte, a 19 anni la morte del padre l'ha spinta a intraprendere con il massimo impegno la professione di attrice.
  • Ha debuttato sul grande schermo nel 1997 con Il viaggio della sposa di Sergio Rubini.
  • Vincitrice di numerosi premi teatrali e televisivi, deve la sua notorietà nazionale al film L'ultimo bacio (2001), dove ha recitato con Stefano Accorsi.
  • Durante l'edizione di Cannes del 2009, Gilles Jacob e Gian Luigi Rondi l'hanno definita "la nuova Magnani".
  • Ha rifiutato di prendere parte a Baciami ancora (seguito de L'ultimo bacio), dichiarando di non credere nei sequel e di non aver trovato convincente lo sviluppo del suo personaggio.
  • Nel 2012, dopo una pausa di due anni legata prima alla morte della madre e poi alla nascita dei suoi due gemelli, è tornata a recitare nella commedia Vinodentro.
  • Ha dichiarato che le sue due amiche del cuore sono quelle dell'infanzia/adolescenza milanese. Non ama i social network e i comportamenti spesso falsati che derivano dal loro utilizzo.
  • Ha vinto un David di Donatello e quattro Nastri d'Argento.