Monica Vitti

Active - 1960 - 1990  |   Born - Nov 3, 1931 in Roma, Italia  |   Genres - Comedy, Drama

Share on

The high priestess of frosty sensuality, Italian actress Monica Vitti was trained at Rome's National Academy of Dramatic Arts. Upon her graduation, she immediately launched her professional stage career; in 1954, she made her first film, Ettore Scola's Ridere Ridere Ridere. Most of Vitti's late-'50s film appearances were inconsequential compared to her portrayal of the remote, "uninvolved" leading lady in Michelangelo Antonioni's prize-winning L'Avventura (1960). She also was featured in Antonioni's L'Eclise, La Notte, and Red Desert. Her one bid for Hollywood stardom was Modesty Blaise (1966), which though directed by Joseph Losey, was a significant critical disappointment. Aside from her appearance in Luis Buñuel's highly acclaimed Le Fantôme de la Liberté (1974), Vitti's subsequent film work has been relatively undistinguished and sporadic. In 1989, she starred in Scandalo Segreto, which she also scripted and directed.

Movie Highlights

See Full Filmography

Factsheet

  • Da piccola la chiamavano "setti vistini", per la sua abitudine a vestirsi velocemente, indossando tanti abiti uno sopra l'altro.
  • Si è appassionato al teatro da bambino, quando giocava con i burattini con i fratelli.
  • La sua carriera di attrice è iniziata sulle scene teatrali negli anni '50 con alcuni ruoli drammatici.
  • Attrice versatile, adatta ai ruoli comici e drammatici, al piccolo e al grande schermo, alla fine degli anni '50 è diventata la musa ispiratrice di Michelangelo Antonioni, suo compagno per alcuni anni.
  • Dagli anni '70 si è specializzata nella commedia all'italiana prediligendo una recitazione dai toni grotteschi.
  • Il film che l'ha definitivamente consacrata tra le migliori attrici del cinema italiano è stato La ragazza con la pistola (1968).
  • In alcuni film, la sua controfigura è Fiorella Mannoia.
  • La prima sceneggiatura che ha firmato è stata quella di Flirt (1983).
  • Ha esordito alla regia nel 1990 con Scandalo segreto.
  • Dal 2000, a causa di una malattia degenerativa simile all'Alzheimer, si è allontanata dalle scene e vive nel riserbo più assoluto.
  • Nel 2011, per festeggiare i suoi 80 anni, Vanity Fair le ha regalato una bellissima copertina, il Festival di Roma ha ospitato la presentazione del volume "Dolce Vitti" e Rai Cinema le ha dedicato uno speciale.