Elsa Martinelli

Active - 1955 - 1992  |   Born - Jan 30, 1935 in Grosseto, Toscana, Italia  |   Died - Jul 8, 2017   |   Genres - Drama, Comedy, Romance, Crime, Adventure

Share on

The official story was that Italian actress Elsa Martinelli was discovered for movies when Kirk Douglas spotted her on a 1954 magazine cover. Actually, Martinelli had been playing bits in Italian films since 1950, and had been a professional model since her early teens. Her first and only screen appearance while under contract to Douglas' Bryna Productions was The Indian Fighter (1955). The film should have made her a star, but (at least according to Douglas) Martinelli exercised nothing but bad judgment thereafter, taking parts that exploited her physical attributes but allowed her acting skills to atrophy. Finally, Douglas threw in the towel, telling Martinelli that she'd have to pay him to work for Bryna again. With such notable exceptions as Orson Welles' The Trial, Martinelli never had a part as good as her Native American heroine in Indian Fighter. She retired from filmmaking in the mid-1980s, making an unheralded return appearance in the inconsequential all-star comedy Once Upon a Crime. She is the mother of actress Cristiana Mancinelli. Marinelli died in 2017, at age 82.

Movie Highlights

See Full Filmography

Factsheet

  • Nata in una famiglia molto umile e numerosa (otto figli in tutto), si è trasferita a Roma da piccolissima con la famiglia.
  • È stata notata dal sarto Roberto Capucci – folgorato dalla sua bellezza – mentre lavorava come commessa in un negozio della Capitale ed è stata lanciata nel mondo della moda.
  • L'attore Kirk Douglas è rimasto a bocca aperta quando ha visto una sua foto tra le pagine di Life e l'ha chiamata oltreoceano per recitare con lui ne Il cacciatore di indiani.
  • Nonostante fosse lontana dai canoni di bellezza dell'epoca (non era maggiorata, ma molto alta e magrissima), negli anni '50 e '60 ha lavorato senza sosta a Hollywood, in Italia e in Europa con mostri sacri del calibro di Orson Wells, Roger Vadim, Mario Monicelli, Alberto Lattuada.
  • A partire dagli anni '70 si è gradualmente ritirata dalle scene, rifiutando molti ruoli al cinema e concedendosi qualche ruolo di spicco in alcune miniserie televisive, tra cui spicca Atelier.
  • Nel 1995 è stata pubblicata la sua autobiografia Sono come sono. Dalla Dolce vita e ritorno, in cui racconta la sua carriera e aneddoti della sua intensa vita sentimentale.
  • Si è spenta nella sua abitazione romana dopo una lunga malattia.