Bárbara Bouchet

Active - 1964 - 2017  |   Born - Aug 15, 1944 in Liberec, Cecoslovacchia  |   Genres - Comedy, Thriller, Horror, Mystery, Crime

Share on

Born in Nazi-occupied Czechoslovakia, blonde leading lady Barbara Bouchet lived in the U.S. from early childhood. An uncommonly beautiful woman, Bouchet rose to fame as a magazine-cover and TV-commercial model. Few actresses displayed their bare abdomens with such frequency as Bouchet in the 1960s: she was fetchingly garbed in harem attire in John Goldfarb, Please Come Home (1964), was killed while gamboling in the nude on the beaches of Pearl Harbor in In Harm's Way (1964), and spent virtually the entire running time of Agent for H.A.R.M. (1966) in the briefest of bikinis. In the 1967 James Bond pastiche Casino Royale, Bouchet was seen as Miss Moneypenny, bringing a whole new smoldering aspect to this otherwise demure character. In the early '70s, she switched her base of operations to Europe, starring in a steady stream of forgettable Italian pictures. Barbara Bouchet made a welcome return to American television screens in the 1983 TV-movie The Scarlet and the Black.

Movie Highlights

See Full Filmography

Factsheet

  • Alla fine della II Guerra Mondiale si è trasferita insieme alla famiglia negli Stati Uniti, dove è cresciuta.
  • Ha mosso i primi passi nel mondo dello spettacolo da adolescente, come ballerina in diversi programmi televisivi; successivamente ha cambiato il proprio nome e si è trasferita a Hollywood per intraprendere la carriera di attrice.
  • Negli anni '70 si è trasferita in Italia e ha preso parte a numerosi film appartenenti al filone della commedia sexy all'italiana; si è anche fatta conoscere per le sue apparizioni in thriller e polizieschi.
  • Si è dedicata anche alla musica, incidendo alcuni singoli negli anni '80.
  • Insieme alle amiche di sempre Iva Zanicchi e Corinne Cléry ha portato in tournée teatrale lo spettacolo Tre donne in cerca di guai.
  • In un'intervista del 2018 ha affermato ironicamente che ormai è conosciuta quasi più per essere la "madre di Alessandro Borghese" piuttosto che per la sua lunga carriera.